Posted on

Caffè freddo: ghiacciato o shakerato?

Il caffè freddo è un’ottima soluzione per continuare ad assaporare un buon caffè anche durante la stagione estiva.

Ecco alcune ricette per preparare in casa un buonissimo caffè freddo.

Con l’arrivo della bella stagione, e delle temperature elevate, diventa difficoltoso per gli amanti del caffè continuare a gustare la propria bevanda preferita.

Sappiamo ovviamente che per alcuni coffee addicted solo l’idea del caffè freddo risulta quasi un insulto alla loro integrità, ma per altri è sicuramente un modo piacevole per consumare il caffè. Chiaramente il caffè freddo non sarà un sostituto del caffè al mattino, quello di cui abbiamo bisogno per darci la giusta carica e concentrazione per affronare la giornata, ma di sicuro può rivelarsi un buon momento per assaporare il caffè durante una pausa o nelle sere calde sere estive.

Anche se l’ingrediente base rimane lo stesso, ovvero il caffè, ci sono diversi modo per gustarlo freddo. I due sicuramente più apprezzati sono il caffè in ghiaccio e il caffè shakerato.

 

Come preparare il Caffè in ghiaccio

Mentre prepariamo il nostro caffè preferito mettere tre cubetti di ghiaccio piani in un bicchieri old fashioned. I cubetti di ghiaccio devono essere pieni proprio per evitare che annacquino il caffè.

Appena pronto il caffè, zuccheriamo a piacimento in una tazzina a parte, e eliminiamo ogni residuo di acqua per mantenere sempre intatto il sapore deciso del caffè. A questo punto versiamo il caffè nel bicchiere e sarà pronto per essere gustato.

L’origine di questa ricetta, che in Italia è tipica della regione del Salento, pare che sia spagnola:  il café del Tiempo di Valencia potrebbe essere l’antesignano del caffé salentino.

Il nostro consiglio in ogni caso è di assagiarli entrambi, magari in una versione riveduta e corretta dai molti barman delle zone.

Come preparare il caffè shakerato

Ci sono tantissime varianti del caffè shakerato e sicuramente ogni barman ha la propria ricetta segreta: ma la caratteristica comune a tutte è sicuramente la schiuma compatta e spumosa che si forma dopo aver shakerato gli ingredienti.

La prima cosa da fare è preparare come sempre un buon caffè. Intanto mettiamo in uno shaker 8-10 cubetti di ghiaccio e lo zucchero liquido. Appena pronto il caffè versiamolo nello shaker e iniziamo subito a shakerare gli ingredienti.

Consiglio: una volta versato il caffè iniziate subito a shakerare altrimenti si rischia che il calore del caffè faccia un po’ sciogliere il ghiaccio e si formerà una quantità minore di schiuma.

Il tempo ideale per ottenere un buon caffè shakerarto varia tra i 5 e i 10 secondi.

Ed ecco a voi due gustosi strati da assaporare, uno di caffè e l’altro di schiuma…da leccarsi i baff!